4 agosto 2008

settimana 4 - mi arrendo!!


no, non appendo le scarpe al chiodo, non ancora almeno, pero' qualcosa deve cambiare. anche la settimana 4, e' stata difficile e non fisicamente. non ci sono di testa, sono distratta dal lavoro, da pensieri e riflessioni sul mio presente e sul mio futuro e forse questo mi toglie un po' di concentrazione o forse sono solo mentalmente stanca. i 16km di ieri, la fatica che ho fatto per portarli a termine, mi hanno portato a prendere delle decisioni.

la corsa e' e deve restare un'attivita che mi fa stare bene, che aggiunge qualcosa alla mia vita. ma non e' piu' cosi'. voglio fare un passo indietro e prendermela piu' tranquillamente. qualcosa mi dice che non vincero' mai le olimpiadi, ne' una gara qualsiasi. quindi perche' sforzarsi cosi'??

questa e' la mia decisione: dublino si fara' cosi' come tutte le altre gare in programma. cerchero' di fare 5 uscite settimanali e di aumentare i miei km settimanali del 15% circa. allora qual'e' il cambiamento?? sara' l'approccio alle mie uscite e alle gare. non punto piu' al tempo, ecco la differenza. e se un giorno non mi va di uscire, pazienza. faccio i lunghi a 6'30'' (come e' successo ieri)??? eccchisenefrega!!! almeno per il momento sara' cosi'. poi si vedra'.

cmq, questa era una settimana di scarico - a quale punto ho caricato poi non si sa :) - e ho fatto 44km.

12 commenti:

GIAN CARLO ha detto...

Con il cmq dell'ultima riga hai lasciato una porta aperta e abbattuto lo stress.
Magari adesso senza pressioni ritrovi lo sprint mentale necessario

Monica ha detto...

chissa'....forse :)

Pimpe ha detto...

..capitano i momenti cosi'.. e passano!
CREDERCI SEMPRE MOLARE MAI..!

Pimpe ha detto...

mancava un L .. :-))

Monica ha detto...

molare!!! LOL!! bellissimo...non molo dai...vado solo un po' piu' tranquilla!

giampiero ha detto...

Oggi correvo e pensavo le stesse cose, poi ne ho parlato con Marco Ortodoc. A volte pare un ossessione questa corsa, se si sta fermi pare che non si possa più recuperare. Invece è indispensabile staccare la spina, magari correre per il gusto di farlo e basta e magari frequentare qualcuno al di fuori della corsa. Alle ultime cene mi sono annoiato perchè si parlava solo di corsa, sembra non ci siano altri argomenti, sono trent'anni che corro e so che staccare la spina in certi momenti è d'obbligo. Guardati le olimpiadi, guarda sport diversi come il canottaggio o la scherma e vedrai che ti tornerà la voglia. Un bacio

Massimo ha detto...

io infatti non programmo nulla a lunga scadenza,mi stuferei subito di correre,diventerebbe un lavoro...

Fatdaddy ha detto...

Ascolta te stessa: mente e corpo hanno già la risposta ai tuoi dubbi, basta solo ascoltarli. Vedrai che già il toglierti dalle spalle il peso di "aspettative, tabelle, target..." ti aiuterà a ritrovare la gioia di correre fine a se stessa!

[Detto questo si allontana con fare circospetto in cerca di un bookmaker che offra alte quote su Claudio72] :D

Mic ha detto...

Ciao Monica, non so bene se sei solo stanca, o se dipenda dai pensieri che dici di avere in questi periodi, però se non ricevi più piacere e gratificazione, fai benissimo a staccare la spina. A me sembra un pò la stanchezza che prende a finestagione, quando si è tirato troppo la carretta e non si vede l'ora di mollare programmi, tempi al Km, recuperi a ritmo medio, ecc. per correre un pò più a sensazione e magari in compagnia e su percorsi piacevoli. Io cerco di evitare questo stato inserendo un 2-3 settimane di riposo in inverno ed una in prima estate, prima di periodo per me impegnativo, e mi serve sia per recuperare il gusto e la voglia di correre che per evitare infortuni da sovraccarico. CIAO

Daniele ha detto...

Ottima decisione! Andare a correre per noi deve essere - come hai detto giustamente tu - un qualcosa che ti fa stare bene... Se diventa un obbligo con se stessi o ancor di più un "tormento" è meglio rallentare... riprendersi i propri spazi di buonumore e soddisfazioni...

Tu sai come prendo io la corsa e sai che ti capisco. Anche se so che questa tua decisione è sofferta, che dico sofferta, soffertissima... Mai avresti voluto...

Ma come in tutte le cose comanda la testa... Quando la tua testa avrà bisogno anche di una sfida cronometrica allora tornerà la voglia e la bellezza di correre con obiettivi e tabelle.. Se ora c'è la solo la voglia di godere di una buona corsa prenditi e goditi quella...

margantonio ha detto...

non ho mai corso seguendo tabelle ma posso intuire le brutte sensazioni che si provano quando si entra nel circolo vizioso della nausea che genera cattivi allenamenti, dubbi che generano scuse per non uscire, e di solito in questi periodi sembra che tutto cospiri perchè le cose vadano peggio...
poi improvvisamente, magari un accadimento assolutamente estemporaneo, il vento gira e si rientra nel circolo virtuoso quando non puoi fare a mano di uscire a correre...
attendi il momento buono correndo solo quando lo senti e senza l'assillo di dover far quel ritmo per una certa durata...
ciao

Monica ha detto...

grazie a tutti per i commenti!

daddy - non si sa mai. claudio e' in vacanza...magari torna superingrassato e non riesce piu' a muoversi e io riesco ancora a fare il colpaccio!!