9 gennaio 2008

9° Maratona del Salento e Progetto Valentina


C'è una terra dal cuore d'oro e generoso, dalle immense mani che si aprono nell'accoglienza più totale, una terra calda e bella dove i tramonti fanno dimenticare le brutture di un mondo e fanno vivere tutt'uno con il creato, è il Salento, in Puglia e qui, a Parabita, provincia di Lecce, il 27 gennaio si svolgerà la nona edizione della Maratona del Salento. E sin qui niente di strano che non sia una delle tante maratone in giro per il nostro stivale durante tutto l'arco dell'anno. Ma il 27 gennaio avrà epilogo un qualcosa di meraviglioso, un progetto che da parte di alcuni amici sta andando avanti da alcuni mesi. Questo Progetto si chiama PROGETTO VALENTINA.
Ma chi è Valentina? uan ragazza pugliese studentessa universitaria, innamorata della maratona, dei suoi idoli, Stefano Baldini, Ottavio Andriani, Caimmi e altri, innamorata degli amici ma sopratutto una ragazza innamorata della vita, nella sua essenza più profonda. Valentina è una ragazza tetraplegica, affetta appunto da tetraparesi spastica, correrà la sua prima maratona. E' il regalo che molti suoi amici hanno voluto farle, gli amici di maratoneti.com per una ragazza che ogni giorno leggendo le sue righe ci insegna qualcosa di quello che veramente è l'essenza il valore della vita, il suo vivere in pienezza, senza fronzoli, ne' meschinità, ne' ipocrisie imperanti che vanno ormai di moda. Sembra che non si possa vivere serenamente, semplicemente e invece Valentina insegna a tutti noi che siamo suoi amici ogni giorno qualcosa in più qualcosa di piu' bello, la bellezza della vita e la gioia e la semplicità del vivere quotidiano. Fautore di questo progetto e che attualmente riesce a seguire con noi, Ottavio Andriani, al momento in Namibia e che rientrerà giusto in tempo per "spingere insieme agli altri amici la carrozzina di Valentina". Il progetto e la maratona sono già state presentate a fine mese dicembre ed è ormai scaduta la quota agevolata per partecipare alla Maratona del Salento, ma ci si puo' ancora iscrivere visitanto il sito www.maratonadelsalento.it, mentre se volete leggere il comunicato organizzatore, chi dei campioni parteciperanno anche per stare insieme a Valentina solo per un giorno, cliccate sul titolo sotto evidenziato. Mi permetto inoltre come ultima cosa riportare le parole di Valentina: "Il mio sogno è già iniziato! Stamattina alle ore 11 :30 appuntamento alla Ortosan di Castromediano con il signor Roberto Saracino.Dovevo vedere e provare la mia carrozzina per la maratona! Prima di narrarvi tutto il resto vorrei ringraziare tutta l'azienda per la grandiosa disponibilità! Il mio fuoriclasse per la gara sarà offerto da loro. Appena ho visto quella FERRARI, ma proprio con la F maiuscola, il mio cuore ha iniziato a galoppare all'impazzata, sensazioni mai provate, troppo forti, troppo intense, troppo speciali, troppo nuove! La guardavo e dentro me pensavo;" ma davvero ci devo salire? Davvero devo correre una maratona?" Vi giuro volevo piangere! Mi sono sempre chiesta come si sentissero i maratoneti diversamente abili, seduti su dei missili del genere,immaginavo che fosse stupendo ma non quanto lo fosse! Da oggi lo so! Li sopra sono impazzita di gioia psicologicamente! La seduta è comodissima, molto diversa dalle carrozzine normali! E'un'altra dimenzione! Un altro pianeta, un'altra storia! Solitamente bisogna abituarsi agli assetti diversi e di questo ne ero consapevole già da tempo. Ma oggi tutto quello che immagginavo è caduto! Io li sopra sto troppo bene,non è stresante come le carrozzine normali. Tento di spirgarvi anche il perchè. Una normale carrozzina, ti obbliga a star sempre seduta a 90°caricando molto sui glutei e questo quando la carrozzina è nuova, ossia diversa da quella dove si è seduti solitamente, da problemi perchè fa venire dolori articolari finchè non ci si fa l'abitudine. Sulle carrozzine da corsa tutto questo scompare. Il carico va sulla schiena e questo da un forte senso di rilassatezza! Più ci ero seduta e più mi sentivo volare. Per non parlare del senso di libertà che provavo pensando che con quel mezzo avrei fatto una maratona! Scompaiono in pochi secondi tutti quei limiti che spesso chi vive nella mia condizione sente di avere. NON PERSERò MAI PIù UNA COSA DEL GENERE, VE LO GIURO!
Grazie infinite a tutti i miei meravigliosi amici di questo forum per quello che mi state insegnando e mi state facendo vivere! VI AMO DA MORIRE! Non ho smesso neanche un attimo di pensarvi... Vale". -> MARATONA DEL SALENTO- PROGETTO VALENTINA

dal blog di denise: http://www.denisequintieri.blogspot.com/

1 commento:

Daniele ha detto...

Leggo ora del Progetto Valentina, bella cosa, mi riprometto di seguirlo attentamente...